Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Giuseppe Caporuscio

Giuseppe Caporuscio

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

Pubblica in…

Ha una biografia…

Giuseppe Caporuscio Leggi la biografia di questo autore!




Poesie più recenti
nel sito:

Serenata a roma mia

Giuseppe Caporuscio

Poesia pubblicata il 03/12/2017 | 163 letture

Si Roma ce se mette, che ruffiana!
speciarmente d’Estate o Primavera,
s’ammanta có le luci de la sera
e s’inginocchia a l’urtima campana.

Ner mentre già Pasquino se dispera
che a braccia monche nun po’ arzà sottana,
‘gni monumento cià la forza strana
d’innammorà la gente forastiera.

Da su a Castello l’Angelo s’invola;
la luce de le stelle lo scatena:
stelle che vanta in cèlo Roma sola.

Gira li ponti, fà la canofiena
E fa da guida a un vecchio barcarolo
specchiannose ner fiume a luna piena.

(II)

De giorno, Roma è cicia, un po’ vezzosa:
Lungotevere è un filo de collana
e l’arberi, smerardi a fila indiana,
l’orgojo de ‘na donna vanitosa.

Cìnica e santa, timida e puttana,
conserva la purezza de ‘na rosa
mentre che te spalanca generosa
‘na chiesa, ‘na piazzetta o ‘na fontana.

Qualunque borgo, vicolo o rione
fà friccicà e volà la fantasia
ar tempo de li Borgia e de Nerone.

Così ‘Sto quadro pieno de maggìa
M’incanta er còre e sott’ar Cuppolone
ricamo serenate a Roma mia!

Nota dell'autore:

«LEGENDA:
CANOFIENA- Simile ad un altalena, ricavata con una tavoletta di legno legata, in genere ad un ramo d’albero con corde di canapa-
»

 
<< Successiva
<< Successiva di Giuseppe Caporuscio
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Nuovi autori:

Autori piu' pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: