Poesia Nuova Nuovi poeti proposti da Scrivere

Eraldo Fabrizio Laurenti

Ha scritto anche…

Ultime poesie pubblicate:

La più letta…

Pubblica in…




Poesie più recenti
nel sito:

Divagaziò

Dialettali

Eraldo Fabrizio Laurenti

Poesia pubblicata il 13/03/2018 | 220 letture

Quanno m’arzo de bon’ora
e vagghio a Pigghia’ Ju treno
che parte gnisempre
a la stazio’ a le sei e mezzu de matina
m’encontro li soliti cristiani frettolusi:
nu spazzinu che biastima
pe la monnezza che trova pe la via,
na reazza che va a l’università
nu pizzardo’ cascatu da lu lettu
che va a pigghià lu giornale da Marisa.
E tuttu questo capita gnisempre
co l’aggiunta de quarche conoscenza
durante lu periodu de l’estate.
Ma quanno cascanu le fogghie
e d’invernu se ghiacoia l’acqua
gghio’ pé lu viculu de li Sosi
semo sempre quilli
che ce ncontremo pe la via
co la faccia ngrugnata da lu ventu
e arrosciata da lu friscu de la matina.
Me crompo lu giornale
e me capetanu denanzi a l’occhi
le solite questiuni arroventate:
omicidi, rapine e scassi
morti ammazzati
mafia e violenza de gni. specie.
Allora co st ‘allegria me ne vagghio a lavorà.
Po quanno arriva lu treno
che pare neristianu assànnatu
co n’occhiu opertu
e n’aru mezzu chiusu
co 1a gente che dorme dravento
me pare propriu del salì
in cima a na diliggenza de lu far west.
Un giorno pe falla breve
forse perché lu macchinista
s’era addormentatu
non ghi a sbatte addossu a li paraurti
a la stazzio termini de Roma,
e pe lo gran rembarzu
chi se sgrugnà addossu a l’aru
chi cascà pe terra come mbirillu,
e chi stea drento a lu cesso
pe pocu non sbattè la capoccia a l’urinale!
Quarche vota da stu streno
s’encontrano tanti tipi strani.
Ci sta n’omo anzianu
vestitu da generale
che portea lu cappottu
l’invernu come l’estate
e d’estate puzzea de mentuccia,
guardea la ggente
co n’aria de superiorità.
Nun ze mettea mai a sede,
era sempre drittu nmezzu a la piazzola.
E ci stea puru n’aru arnese
che sonea lu zufulu
e n’aru che parlea da solu
e gni tantu mentovea
na femmona che forse sarà stata
na bella fregatura de ggioventù.
E come se tutta sta manfrina non bastasse
ecco che t’encontro do giocaturi de carte
co nu fiascu de vinu sottobancu.
Po ci sta che legge lu giornale
e s’enforma
de li fatti politici più eclatanti
co na faccia da professionista
appiciata addossu.
L’aumento della benzina,
la crisi dell’oriente
e spari e attentati
ma n’do gghiemo a fenì de stu passu?
“io me preoccupo solamente
de quelli che so nati mò”
dicea nu viaggiatore a n’aru.
“Tra vent’anni che sarà
de st’umanità?”
Forse c’iavremmio tutti
na bella faccia de bronzo.
Ognuni penzerà a issu
in questa bella civirtà
dove con tutta sta fumera
de spari e botti
se campi oggi non campi dimà!
E mentre se faceanu sti descursi
lu trenu arrivea a Roma,
e alla fine
sotto quella gran mappata
de cemento
ognunu sviculea pe li binari
pe ghi a lavorà.

Già me l’immaggino la gente
come se comporta,
quadunu sta desetu a na scrivania,
e fa fenta de scrive e scrive
finché non cala lu sole.
Chi sta nfregnatu
attaccatu a na porta
e non sa come passà lu tempu,
sbadigghia, apre la bocca
passa na mosca e ci caca dentro.
E ci sta quaeden’aru che va a Roma
pe fa lu professò
e con mpò de fantasia mette sei e tira via.
Quanta gente variopinta,
che va chi viene
oh!, non ci sta nu cristianu
che te guarda nfaccia
che te sorride, che te dice:
bongiorno, bonasera.
Ma stu munnu a ndò va a fenì?
Vannu tutti de prescia
come diavuli scatenati,
passa ‘autobusse sempre pinu,
ammassati come sardelle
Sali, spigni, quaedunu strilla:
“perché me si pistatu li calli?”

Po’ quanno vagghio
a lu postu de lavuru
saluto tutti quanti
e me metto a faticà.
Quarche vota me vardo na reazza
na bella moretta che me stà defronte
mmezzu a li banchi de scola.
Io je faccio l’occhi dorci se capisce
ma l’età è età, nun zi più nu reazzu,
ma l’illusioni nun fenisciu mai,
mannaggia la gioventù, che se ne va!
Ci sta na collega come gni sempre,
appiccicata a lu telefono
che parla co n’amica,
o co n’amicu, bo!, non lo saccio,
solo che se sente nu sospiru gni tantu
nu “chery” dittu a la francese
de l’aru non saccio gnente
ve lo lascio a vui mmaggginà!
E po’ ve n’areccomanno una
sarvo ognuno, sempre nfregnata,
de che cosa non lo saccio e gni
tantu manna quadunu a fa...
no na parola che fa rima cò coculo.
N’giorno me so trovatu denanzi
a n’aru collega, tantu rassu,
che quanno camminea
sudea, sudea,
e come s’assettea ci struscea
la panza addossu a la scrivania.
Mò è da mpò de tempu
che non viè più
sta a fa la cura
pe assuccasse mpò!
Lo rassu è rassu e se fa fatica
pe portallu a spassu!
Ma issu se la pigghia
con filosofia, se fa na risatella
e tira via!

E po quanno fenisce la giornata
ma n’a retorno a casa
refaccio la solita via
come gni sempre,
ma quanno cagna sta vita?
Gni tantu me domanno.
Arepigghio lu treno,
rencontro le solite
persone de la matina
stracche de la fatica de la giornata
e qui mica fenisce l? avventura!
Na sera na sassata
non ghi a spaccà lu vitru
de lu treno che pe pocu
non me pigghia a n’ occhiu:
Stu trenu che pare
come na diligenza
de lu far west,
andò nvece de le freccie de l’indiani
sgrugnano sassate da gni parte,
ma come se gnente fosse
non se lamenta mai
continua pe la via sea
co n’ occhiu apertu
e n’ aru mezzu chiusu.
Stu trenu de lu far west,
che quanno è nvernu
se sente come ncristianu
pinu de reumatismi
co li dolori dell’ossa
pe via quella neve
che se porta ghiò pe lo pianu
e quanno l’aria se rescalla
sta neve se fa d’acqua,
è lu pianto de lu treno,
che zittu, zittu, scegne ghiò pe le rotaie.

Nota dell'autore:

«(In dialetto Tiburtino)»

 
<< Successiva
<< Successiva di Eraldo Fabrizio LaurentiPrecedente di Eraldo Fabrizio Laurenti >>
 

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza il consenso dell'Autore.

Nuovi autori:

Autori piu' pubblicati:


Sito di poesia: pubblicare poesie su Internet

Archivio poesie:

Gli autori: